De Marchi

Dario De Marchi

Comunicazione di Crisi


Giornalista professionista dal 1977, Dario de Marchi, 63 anni, ha lavorato per quasi 25 anni in una delle principali agenzie di stampa nazionali con la qualifica di inviato speciale e giornalista parlamentare. Fino al marzo 2013 è stato responsabile relazione con la stampa di Acquirente Unico, SpA dello Stato che si occupa di energia. Attualmente si occupa di comunicazione e tra l’altro è fondatore e direttore responsabile del periodico «Giornale Diplomatico». Gestisce inoltre la comunicazione della Fondazione per la Ricerca e la Cura dei Disturbi del Sonno Onlus.

In precedenza è stato capo ufficio stampa e portavoce dei ministri dei Rapporti con il Parlamento, Politiche Comunitarie, Innovazione e Tecnologie, Sviluppo Economico, Salute.

È stato dirigente della comunicazione del CNIPA-Centro Nazionale per l’Informatica nella Pubblica Amministrazione (agenzia della Presidenza del Consiglio dei Ministri) e direttore relazioni esterne e comunicazione di una joint venture altamente tecnologica dei gruppi Fiat e Telecom Italia. Ha scritto per diversi quotidiani e periodici ed è stato tra l’altro autore del libro «Torino Oltre»

Ha curato la comunicazione per l’organizzazione internazionale «Collegio del Mondo Unito», di Londra, presieduta prima dal principe Carlo d’Inghilterra e, poi, dalla regina Noor di Giordania e Nelson Mandela.

È autore di testi sulla comunicazione e docente di comunicazione e, in particolare, di comunicazione di crisi e si occupa di homeland security, materie di cui scrive per riviste specializzate e tiene corsi universitari.

Fa parte del Consiglio Direttivo dell’AIIC-Associazione Italiana Esperti in Infrastrutture Critiche ed è componente del Consiglio Scientifico del Master in Homeland Security dell’Università Campus Bio-Medico, di Roma.