fbpx
Tre problematiche fondamentali incentrate sui dati alle quali devono allinearsi le organizzazioni
8 Aprile 2019
Peculiarità delle perquisizioni dirette alla ricerca di evidenze informatiche. La “preview”
10 Aprile 2019

Analisi di un Cyber Attacco sofisticato

Questo articolo vuole essere un modo per avvicinare il lettore a comprendere la complessità degli attacchi cyber. Di seguito verrà trattato un modus operandi molto particolare con un focus specifico sulla grafica, sulle operazioni bit a bit[1] (AND, NOT, OR, XOR) e, quindi, con un pizzico di matematica.

Le operazioni bit a bit sono operazioni primitive e veloci, tant’è che spesso sono implementate nei processori a basse prestazioni perché più veloci da svolgere rispetto alle classiche operazioni aritmetiche (divisione, moltiplicazione, somma).

Partiremo dall’articolo pubblicato dalla società “360 Enterprise Security Group” e nello specifico dal suo team d’intelligence “360 Threat Intelligence Center” riguardante la vulnerabilità di WinRar (CVE-2018-20250)[2], resa nota il 2 febbraio di quest’anno, per poi vedere l’uso della stessa in attacchi cyber strutturati. In fine il lettore verrà condotto passo passo in un’analisi della Backdoor “Fileless[3]” che rappresenta, a mio parere, la parte più interessante per comprendere meglio la complessità degli attacchi cyber strutturati.

L’articolo, intitolato Warning! Upgrades in WinRAR Exploit with Social Engineering and Encryption[4] riassume gli attacchi e le tecniche di social engineering orbitanti intorno a tale vulnerabilità. Questo riporta, come vettore iniziale di attacco, email di phishing che usano come pretesto opportunità lavorative in Arabia Saudita con l’obiettivo di convincere l’utente ad estrarre il file compresso e quindi avviare la compromissione.

Immagine dell’archivio rar

A tale scopo, all’interno del file compresso è stato inserito un file PDF con una proposta di lavoro fittizia associata alla società “YASREF” – Yanbu Aramco Sinopec Refining, una una joint venture tra Saudi Aramco e China Petrochemical Corporation (Sinopec)[5].

Immagine del PDF contenuto all’interno dell’archivio Rar

Il primo fatto degno di nota è che il PDF in sé non contiene nessun componente malevolo: la vulnerabilità di WinRar provvede all’infezione della macchina appena l’archivio viene decompresso.

Tralasciando tutti i tecnicismi di come viene sfruttata tale vulnerabilità e di come, quindi, l’infezione sia avvenuta (per questi dettagli si rimanda all’articolo originale), è utile per il lettore notare che alla fine della prima fase del processo di compromissione verrà “letta” una specifica immagine remota.

La parola “letta” è posta appositamente tra apici per far notare al lettore che l’immagine non viene scaricata ma, come già detto, letta da remoto (attacco fileless).

Arrivati a questo punto siamo nella parte più interessante dell’attacco. L’immagine in questione, sotto riportata, è un semplice paesaggio montano, in formato PNG, con una dimensione di 300×300 pixel.

Da notare che l’immagine di per sé, senza uno specifico script che ne interpreti il contenuto, non rappresenta una componente malevola.

Immagine usata per nascondere il codice malevolo

A questo punto sorgerà spontanea, nel lettore, la curiosità di capire come sia possibile che la successiva fase della compromissione abbia come fonte questa immagine.

L’attaccante è stato molto abile e astuto in questo attacco. Partendo dall’immagine e sfruttando solamente i primi 3000 pixel (anche se, in realtà, i pixel usati sono stati per la precisione 2864), ha “giocato” con i colori variandone la gradazione in modo da poter estrarre da ogni pixel un carattere. Quanto detto è stato fatto usando una specifica formula che vedremo successivamente.

Per essere più chiari nell’illustrare la tecnica utilizzata, bisogna innanzitutto dire che un pixel è formato dai 3 colori base (Rosso, Verde, Blu) più il colore Alpha, che indica l’opacità/trasparenza. Ogni colore può avere una gradazione che va da 0 a 255, interpolando i valori dei tre colori principali il pixel assume uno specifico colore. Nell’immagine sottostante possiamo vedere come questi valori vengono interpretati dai computer e per maggiore chiarezza utilizziamo come esempio i valori del colore “GreenYellow”.

Immagine che illustra come il computer interpreta i colori

L’attaccante pertanto ha modificato leggermente la gradazione dei primi 3.000 pixel (una matrice di 10 righe per 300 colonne) e nello specifico la gradazione del colore Blu e il verde, molto predominanti in quell’area dell’immagine (racchiusa nel rettangolo rosso) rendendo, pertanto, quasi impossibile percepire la modifica a occhio nudo.

Immagine che illustra l’area dove è nascosto il codice malevolo da estrarre

Grazie ad approfondite conoscenze di grafica, all’attaccante è bastato mettere a punto una specifica formula logico/matematica per riuscire a estrarre il carattere desiderato da ogni pixel e quindi costruire lo script da eseguire (tecnica steganografica).

La formula usata è la seguente:

((Valore_Colore_Pixel _Blue AND 15)*16) OR (Valore_Colore_Pixel_Verde AND 15) 

Data l’immagine e i valori del primo pixel (Blu:21, Verde:27, Rosso:27, Alpha:255), tenendo in considerazione il valore del colore blue e del colore verde, la formula si trasforma come segue:

Infine, il numero 91 (risultato di tutta l’operazione) viene trasformato in un carattere ASCII[6], in questo caso otteniamo il carattere di parentesi quadra aperta “[”. Di seguito un estratto dello script nascosto dentro l’immagine.

Come è facile intuire, si tratta di un attacco molto strutturato che fa leva su diverse componenti:

  • tecniche di Social Engineering (opportunità lavorative e nomi di società importanti nel settore energetico e oil & gas);
  • malware di tipo Fileless;
  • nuove vulnerabilità, in questo caso scoperta pochi giorni prima;
  • tecniche di steganografia per nascondere informazioni all’interno delle immagini.

Quanto appreso da questo articolo deve costituire un monito per il lettore a non sottovalutare le minacce nel mondo cyber. Un modo per intuire che anche un’immagine banale, o all’apparenza tale, può nascondere al suo interno una minaccia ben più critica di quando si possa immaginare. Specialmente gli attori strutturati e con elevate capacità, spesso sponsorizzati da uno Stato, hanno strumenti molto sofisticati che possono essere impiegati nelle diverse fasi di un attacco, per non parlare delle avanzate tecniche che sono in grado di mettere in atto durante ogni fase della compromissione

Note:

[1] https://it.wikipedia.org/wiki/Operazione_bit_a_bit

[2] https://nvd.nist.gov/vuln/detail/CVE-2018-20250

[3] https://en.wikipedia.org/wiki/Fileless_malware

[4] https://ti.360.net/blog/articles/upgrades-in-winrar-exploit-with-social-engineering-and-encryption/

[5] https://www.yasref.com/en-us/Pages/About.aspx

[6] https://it.wikipedia.org/wiki/ASCII

 

Articolo a cura di Giuseppe Brando

Dottore in Ingegneria Informatica, ha trasformato la passione per la sicurezza informatica nella sua attività professionale.

Durante il periodo universitario ha costruito forti competenze nello sviluppo software. Ha ampliato la sua conoscenza e le sue competenze lavorando in aziende di primaria importanza e svolgendo attività di Incident Response, sistemista in ambito Security, Penetration Test, Source Code Review, Malware Analysis e Code Reverse Engineering.

Esperto in attività di Open Source Intelligence (OSINT), attualmente si occupa di Cyber Threat Intelligence con l’obbiettivo di individuare preventivamente le minacce, studiare le tattiche, le tecniche e le procedure (TTP) usate durante gli attacchi e il modus operandi dei Cyber criminali.

Collabora a programmi di Bug Bounty tramite i quali ha ricevuto diversi riconoscimenti per le vulnerabilità individuate e conduce inoltre attività di formazione sulle tematiche legate alla Cyber Security e investigazione su eventi Cyber.

Download PDF
Condividi sui Social Network:

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI ICT SECURITY MAGAZINE

Una volta al mese riceverai gratuitamente la rassegna dei migliori articoli di ICT Security Magazine

Rispettiamo totalmente la tua privacy, non cederemo i tuoi dati a nessuno e, soprattutto, non ti invieremo spam o continue offerte, ma solo email di aggiornamento.
Privacy Policy