Secondo l’indagine del Computer Emergency Response Team dell’Agenzia per l’Italia Digitale, un server su sette della Pubblica Amministrazione Italiana presenta vulnerabilità di livello alto
24 Novembre 2021

Come difendersi dai Ransomware con la sicurezza datacentrica

Sia che muovano da un semplice smarrimento o sottrazione di credenziali sia che derivino da campagne di phishing mirate, i ransomware restano protagonisti assoluti nel quadro del rischio cyber a cui sono esposte aziende e infrastrutture, anche critiche: basti pensare agli aumentati attacchi diretti a strutture ospedaliere, dalle conseguenze talvolta fatali. Complici la pandemia – che ha imposto, per motivi di lavoro o studio a distanza, un’iperconnessione senza precedenti a utenti poco o per nulla formati alla sicurezza informatica – e la conseguente estensione delle superfici d’attacco, il relativo trend si è mostrato in costante crescita nell’ultimo biennio. E niente sembra indicare che sia destinato a invertirsi nel prossimo futuro.

In effetti, secondo la Harvard Business Review, nel 2020 si è assistito a un aumento del 150% negli attacchi di tipo ransomware (tendenza perfino peggiorata nel 2021) e a un incremento del 300% nelle cifre pagate a titolo di riscatto, con una perdita di 20 miliardi di dollari nel solo settore sanitario. E come conferma l’ENISA Threat Landscape 2021, gli attacchi non sono cresciuti solo in volume ma anche in sofisticazione. Ad esempio, nell’anno corrente, sembra che il 91% del malware abbia viaggiato su reti (apparentemente) “sicure”.

Per questo Varonis, nata nel 2005 e pioniera nel campo della data security, offre procedure gratuite di Ransomware Preparedness Assessment alle aziende che vogliano irrobustire la propria strategia di cyberdifesa.

Tali percorsi mirano a individuare i punti deboli – anche ignoti – di un’organizzazione per proporre, in seguito, soluzioni personalizzate che permettano d’intervenire in modo efficace secondo tre linee operative: drastica riduzione (tramite il controllo e monitoraggio automatico degli accessi) della superficie d’attacco, rapida identificazione dei segnali di potenziali ransomware e, in caso l’incidente si verifichi, messa a disposizione dell’Incident Response & Forensics team per la rimessa in sicurezza dei sistemi.

Grazie a un approccio data-centrico e all’uso di modelli di rischio behavior-based, la Data Security Platform di Varonis permette di cogliere precocemente anomalie sospette nel comportamento di qualsiasi utente. Ad esempio, Varonis è in grado di rilevare un insolito “accumulo” di dati o l’uso improvviso (e spesso non previsto) della crittografia e, quindi, attivare una serie di risposte automatizzate a partire dal dato e verso l’esterno.

Come ricorda Yaki Faitelson, co-fondatore e CEO, «la miglior difesa dagli attacchi di tipo ransomware parte dal far in modo che ciascuno abbia accesso soltanto ai dati di cui ha bisogno per fare il suo lavoro».

Questo approccio ha provato il proprio valore permettendo di identificare minacce recentissime, mostratesi capaci di sfuggire ai tracciamenti tradizionali. Come REvil o Darkside, operazioni globali di crimine informatico scoperte e neutralizzate nel 2020; ma solo dopo aver portato a segno migliaia di attacchi e totalizzato ingentissime somme in criptovalute a titolo di riscatto.

È evidente che in un ecosistema iperconnesso, popolato di minacce in costante espansione, solo una mappatura delle vulnerabilità e una robusta strategia di prevenzione e reazione possano consentire ad aziende e istituzioni di operare in sicurezza, prevenendo sia perdite economiche e sia i molteplici, sgradevoli effetti dei data leaks.

Moltissime imprese ed enti di altissimo profilo dalla Coca-Cola alla NASA si affidano a Varonis per tutelare i loro dati. Il 97% di questi clienti riporta che il Data Risk Assessment ha richiesto meno tempo di quanto si aspettassero; e il 93% conferma che non ha causato rallentamenti o interruzioni nel loro ambiente IT, coniugando azioni incisive con un minimo investimento di tempo. Un investimento destinato a dare i suoi frutti in futuro.

 

Condividi sui Social Network:

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI ICT SECURITY MAGAZINE

Una volta al mese riceverai gratuitamente la rassegna dei migliori articoli di ICT Security Magazine

Rispettiamo totalmente la tua privacy, non cederemo i tuoi dati a nessuno e, soprattutto, non ti invieremo spam o continue offerte, ma solo email di aggiornamento.
Privacy Policy