La Weaponization dell’Intelligenza Artificiale
22 Luglio 2020
Cybersecurity vs Internet delle cose. Quale scenario ci attende?
29 Luglio 2020

Information Security, Data Protection e Privacy

Information Security, Data Protection e Privacy: questi tre termini vengono spesso usati come sinonimi, ignorando le caratteristiche che ne sostanziano le differenze. È così che, soprattutto in contesti colloquiali, si parla indistintamente di Information Security, Cybersecurity o anche Sicurezza, Privacy e protezione dei dati. Allo stesso modo ci si riferisce al “Garante Privacy” o alla “normativa sulla privacy”, intendendo invece il Garante per la protezione dei dati personali; la normativa sulla protezione dei dati, d’altronde, viene indicata anche come normativa sulla “sicurezza”.

Mantenere una chiara distinzione terminologica non è un puro esercizio accademico o una questione di stile: i concetti di Information Security, Data Protection e di privacy sono sorretti da sostanziali distinzioni concettuali con implicazioni pratiche, nelle attività operative di ogni azienda e organizzazione, che trovano fondamento nella storia dell’uomo, del diritto e dell’evoluzione tecnologica e normativa.

Con il termine Information Security, non si intende solamente la protezione delle informazioni da accessi non autorizzati. Chiamiamo “informazioni” tutti gli insiemi di dati che vengono elaborati, strutturati e presentati in relazione ad uno specifico contesto, all’interno del quale assumo un significato altrimenti non rinvenibile. I dati, al contrario, rappresentano un fatto grezzo, non organizzato, che deve essere elaborato per renderlo significativo. I dati devono quindi essere sempre interpretati, da un essere umano o da una macchina, per derivarne il significato. I dati, decontestualizzati, non hanno un proprio significato intrinseco. I dati, possiamo dire, hanno bisogno di essere raffinati, come il petrolio, prima di acquisire valore spendibile ed essere utilizzati.

ISO[1] definisce nella norma internazionale ISO/IEC 27000:2018[2] il termine Information Security come “preservation of confidentiality, integrity and availability of information[3]. L’Information Security, si occupa dunque della protezione della riservatezza, integrità e disponibilità di qualsiasi tipologia di informazione, all’interno di qualsiasi organizzazione e si concretizza nella pratica di prevenire l’accesso, l’uso, la divulgazione, l’interruzione, la modifica, l’ispezione, la registrazione o la distruzione non autorizzata delle informazioni.

Il termine Data Protection non deve far pensare, in contrapposizione a quanto detto in precedenza, alla protezione dei dati. Il significato di Data Protection diventa chiaro, richiamando le differenze con il termine Privacy. A questo fine è bene ricordare come il termine Privacy abbia origine nord-americana. Gli studiosi fanno risalire l’origine del termine Privacy, al 1890 quando Samuel D. Warren e Louis D. Brandeis, due giuristi di Boston, pubblicarono sull’Harvard Law Review[4] un articolo dal titolo “The right to Privacy”.  In questa pubblicazione la privacy è vista come la necessità di salvaguardia della sfera più “intima” dell’essere umano: la necessità di non vedere invaso il proprio spazio abitativo, le relazioni familiari e tutto ciò che si svolge al suo interno. Questa necessità non è certo diversa e distante dai bisogni fondamentali dell’uomo teorizzati da Abraham Maslow nel 1954, il quale ha evidenziato come i bisogni di sicurezza, appartenenza, stima e autorealizzazione, ciascuno con le proprie specificità e ognuno declinabile in ulteriori fabbisogni specifici, siano alla base dell’agire umano: fin dalle sue origini.

Il bisogno “primordiale” della salvaguardia della privacy è, quindi, alla base del pragmatismo umano.

La Data Protection, più strettamente legata al contesto culturale e storico europeo, si è significativamente sviluppata anche in conseguenza delle guerre che hanno interessato (non solo) il nostro continente nel corso del secolo scorso, quando i dati relativi a persone fisiche potevano essere usati – e venivano usati – per controllare e discriminare le persone. È stato così con le attività condotte su larga scala da vari governi in differenti nazioni, a proposito di anziani, ammalati, omosessuali, partiti politici e professioni religiose. La cultura della Data Protection nasce quindi dalla necessità di proteggere le persone fisiche, prima ancora del dato o dell’informazione in quanto tale, dal controllo invasivo operato da governi e nazioni e dall’utilizzo automatizzato e indiscriminato dei dati personali.

Dagli anni ’80 del secolo scorso si sono susseguite diverse attività normative a livello europeo culminate nel Regolamento (UE) 2016/679, noto come GDPR (o RGPD in italiano), il cui obiettivo è proprio la protezione delle persone fisiche per quanto attiene al trattamento dei loro dati personali, dal cui scorretto uso possono derivare gravi lesioni delle libertà e dei diritti degli individui. Il diritto alla protezione dei dati personali, è bene ricordare, “non è una prerogativa assoluta, ma va considerato alla luce della sua funzione sociale e va contemperato con altri diritti fondamentali, in ossequio al principio di proporzionalità”[5]. Inoltre, l’articolo 12 della Dichiarazione universale dei diritti umani, recita: “Nessun individuo potrà essere sottoposto ad interferenze arbitrarie nella sua vita privata, nella sua famiglia, nella sua casa, nella sua corrispondenza, né a lesione del suo onore e della sua reputazione. Ogni individuo ha diritto ad essere tutelato dalla legge contro tali interferenze o lesioni”. È curioso osservare quanto spesso anche il GDPR, e la sua implementazione, venga con troppa leggerezza criticato, accusando costrizioni e limitazioni di presunte libertà prive di qualsiasi fondamento.

La Data Protection si occupa, quindi, della protezione delle persone fisiche; la privacy è più legata alla sfera “intima” dell’essere umano; l’information security si occupa di qualsiasi tipo di informazione. Anche per questo motivo, ad esempio, non tutti gli incidenti di sicurezza delle informazioni rappresentano anche un data breach, mentre quest’ultimo implica certamente una violazione nella sicurezza delle informazioni.

Possiamo quindi pensare al dominio di competenza di Information Security, Data protection e Privacy come tre cerchi concentrici, con la prospettiva più ampia secondo la quale l’Information Security ingloba la Data protection e la privacy. Queste ultime due, pur condividendo “il dato”, hanno prospettive diverse: la prima si occupa della protezione delle persone fisiche, mentre la seconda è più concentrata sulla protezione di informazioni di persone fisiche.

È dunque chiaro come mai risulti scorretto e approssimativo l’indifferente utilizzo dei termini Information Security, Data Protection e Privacy.

 

Note

[1] International Organization for Standardization

[2] Information technology — Security techniques — Information security management systems — Overview and vocabulary

[3] ISO/IEC 27000:2018(en), § 3.28: information security: preservation of confidentiality (3.10), integrity (3.36) and availability (3.7) of information.
Note 1 to entry: In addition, other properties, such as authenticity (3.6), accountability, non-repudiation (3.48), and reliability (3.55) can also be involved

[4] Warren, Samuel D., and Brandeis, Louis D., The Right to Privacy, Harvard Law Review, vol. 4, no. 5, 1890, pp. 193–220. JSTOR, www.jstor.org/stable/1321160.

[5] Regolamento (UE) 2016/679, Considerando 4.

 

Articolo a cura di Luciano Quartarone

Luciano Quartarone, in oltre 20 anni nel mondo dell'ICT, ha sviluppato significative esperienze in diversi settori del mondo ICT, concentrandosi su PKI, firme elettroniche e sistemi di conservazione sostitutiva. Ha curato diversi importanti progetti di system integration, specializzandosi sui temi della sicurezza delle informazioni, dell'analisi del rischio e della conformità a norme nazionali e internazionali. È auditor ISO/IEC 27001, di cui è anche trainer certificato presso il PECB. Membro del consiglio direttivo UNINFO, partecipa alla CT UNI - comitato italiano ISO/IEC SC27 in UNINFO e ha collaborato alla redazione di diverse norme nazionali in ambito sicurezza e conservazione delle informazioni, definizione di profili professionali in ambito sicurezza delle informazioni e protezione dei dati personali. Da dicembre 2018 è CISO e Privacy Director presso Archiva Srl.

Download PDF
Condividi sui Social Network:

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI ICT SECURITY MAGAZINE

Una volta al mese riceverai gratuitamente la rassegna dei migliori articoli di ICT Security Magazine

Rispettiamo totalmente la tua privacy, non cederemo i tuoi dati a nessuno e, soprattutto, non ti invieremo spam o continue offerte, ma solo email di aggiornamento.
Privacy Policy